Sette considerazioni per eseguire carichi di lavoro in un cloud pubblico

Caricare una applicazione in un ambiente cloud pubblico è un’operazione di per sè semplice. Un numero di carta di credito, pochi click e il gioco è fatto. Inoltre la possibilità di renderla accessibile autonomamente agli utenti e in modalità on demand ne rende ancor più facile l’utilizzo. Ma tutta questa semplicità può rappresentare un aspetto anche negativo. Red Hat ha messo a punto una sorta di memorandum per riassumere quali considerazioni occorre fare quando si approccia il cloud e, nello specifico, il cloud pubblico.